Il Tour della memoria…per i sessant’anni della rivoluzione ungherese del ’56

img_1454Sessant’anni fa l’Europa non era il continente che conosciamo oggi. Non c’erano frontiere comuni, non c’era un’unica area in cui si condividessero pace, benessere economico, tutela dei diritti e dello stato di diritto. Sessant’anni fa l’Europa era divisa. I vincitori del conflitto mondiale avevano deciso per tutti. Le carte politiche erano state ridisegnate. C’era un limite a dividere due mondi, un muro fisico e ideologico a separare vite e destini. A est di quel muro vite e destini erano segnati. Un’apparente stabilità sociale nascondeva un sistema costruito unicamente sulla paura e sulla delazione. Quello stesso stato che sembrava difendere e accudire il suo popolo si era impadronito delle vite del suo popolo. Sessant’anni fa i giovani, gli intellettuali, gli operai ungheresi decisero di riappropriarsi del loro destino. Guidarono un popolo contro il potere sovietico ben consapevoli che una simile sfida avrebbe messo a rischio le loro stesse vite. Sessant’anni fa nelle strade di Budapest si celebrò la vittoria della libertà, una vittoria che si rivelò tuttavia fragile e breve. Quasi solo un’illusione. Troppo potente l’avversario sovietico. Troppo piccola e ininfluente l’Ungheria per destare l’interesse della comunità internazionale. Quel mondo e quei suoi equilibri non dovevano cambiare. Nelle strade di Budapest la rivoluzione era vinta, le speranze dei magiari erano soffocate. Dopo sessant’anni la memoria di quella gloriosa e tragica rivoluzione è ancora viva. Lo è in patria ma lo è anche oltre confine. Tutta la comunità ungherese sparsa nel mondo ricorda quei giorni con fervore.

img_1493Qui in Italia sono molte le iniziative volte a commemorare la rivoluzione del ’56 tra cui il “tour della memoria Roma-Capestrano”, manifestazione originale e significativa al tempo stesso. Italiani e ungheresi percorreranno insieme un itinerario all’insegna del rispetto, della fratellanza, di quei valori che lo sport ancora rappresenta. Il tour della memoria vuole essere anche un gesto di gratitudine verso il popolo italiano e in particolare della gente di  Capestrano per la solidarietà e lo spirito di accoglienza dimostrati nel 1956 nei confronti dei rifugiati ungheresi. Con questo sito web (le cui voci del menù sono in italiano e in ungherese) vi invitiamo a scoprire il tour, invitiamo tutti a partecipare, vi diamo la possibilità di essere con noi anche idealmente. Seguici e scrivici. Buon tour della memoria!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...